TRITTICO Z

NUMERO 2: LA COSA CHE NON ERA DA FARSI

Ok, ok… La Sfera Suprema – Trittico Zeta- Parte Seconda: “La cosa che non era da farsi”. Innanzitutto vorrei sottolineare PARTE SECONDA (è incredibile anche per noi pensare di essere riusciti a pubblicare anche il secondo episodio!). E mi sento di dire che ci sarà presto anche una PARTE TERZA, quindi siete avvertiti…

È bello dare risposte a domande non fatte. Ma appunto non è scontato niente.  Sono sempre Keer, il mio socio Leef non vuole scrivere articoli, non ha tempo, dice. E stavolta allora spenderò due righe per parlarvi di lui.

Pignolo, mammmia pignolo… Ma solo per alcune fobie momentanee (non per evidenti errori) che poi mi tocca comunque ricorreggere puntualmente in fase di disegno. Poi gli passa tutto in un quattro e quattr’otto (e otto sedici, direbbe lui tanto è prolisso!) e ricomincia con un altro flash, quando va bene. Altrimenti diventano due o tre in simultanea. E comincia a scassare la minchia su più fronti.  Gli andrebbe data una bella sprangata sui denti e, una volta accasciato, gli andrebbe chiesto, con estrema gentilezza: Scusa, dicevi? … Continua pure…

Questo trafiletto serve a farvi capire lo stato emotivo con cui ho vissuto (altra domanda non richiesta, eddaje!) il periodo di gestazione di questo secondo episodio. Quattro mesi col fiato di Leef sul collo. Non lo auguro a nessuno!

Ma veniamo ai nostri protagonisti “produttori di protesi tali e quali agli originali”: stavolta saranno alle prese con un famoso attore, ma per non spoilerare nulla non specifichiamo né quale genere interpreti, né quale arto abbia perso.

Secondo me il prodotto finale è abbastanza buono, ma pecca in un pajo di cose: non vi sono elementi a sufficienza per poterlo definire numero leggibile singolarmente e alcune didascalie sono un pò forzate. Per il resto ritengo la storia funzionale e scorrevole, anche se potevamo dare più spazio a Peto Demenzel II, l’imperatore di Fiorimburgo. Ma va bene così. Tutto avrà la sua naturale evoluzione nel terzo capitolo della Trilogia. Ah… secondo Leef “Trilogia” non si può usare perchè di TRILOGIE ne esiste una soltanto… Ma io, ovviamente, me ne fotto!

Poi c’è il problema di tavola 11!
Nella vignetta in alto, Alex (capirete poi chi è) doveva dire: ” … ok, ma le pollastre le porto io!”. E non è venuto in stampa per un maledetto refuso!!! Argh! Che palle!

E la colorazione! Oddio Leef quanto me l’ha menata. Mammamia. Però alla fine è contento. Almeno lui. Io insomma… Ci siamo basati su un concetto psichico secondo il quale a ogni colore è associato un particolare materiale o un particolare personaggio. Questo ha fatto sì che sia stato usato un ampio spettro di colori (e qui davvero lo so che nessuno me l’ha chiesto… Ma qualcosa dovevo pur scrivere) quando secondo me, ne andava usato uno più ristretto e meno saturo.

Ora, so che parlare male del proprio fumetto sicuramente non è il modo giusto per pubblicizzarlo. Per rimediare posso dire solo che il fumetto è meglio di questa presentazione. Che dite? Può andare?

L’altra volta ricordo che feci un finale paraculo, adesso ci riprovo… ehehm!!!

I sogni, se rincorsi a lungo, possono diventare realtà. E tu, che stai leggendo… Con un like alla nostra pagina facebook, potrai mettere un tassello nei mattoni del nostro cuore, donandoci la speme (badabene!!! c’è scritto SPEME, non vorremmo ci recapitaste strani flaconi) di una futura edizione. Che Dio vi abbia in pace! O voi gloriosi e degni di una pace eterna, che avete messo mi piace sulla nostra pagina del cazzo!

Keer

 

Sebbene anche stavolta abbia lasciato al mio socio onere e onore di parlare del secondo numero della Sfera Suprema, almeno due parole debbo aggiungerle anch’io!
Che presentazione orribile che hai fatto, caro il mio Keer!
Ma siccome sono magnanimo (e checché se ne dica, non scasso la minchia come te) lo lascio così com’è, limitandomi a correggere la sintassi e la costruzione di alcuni periodi! Ma, onestamente, con una presentazione del genere, io non avrei nemmeno voglia di venire a vedere di cosa si tratta, figurarsi comprare un numero… di ‘STAMMERDA!
Va be’ vedremo…
Buona Lettura a tutti!

Leef